La pericolosità dell’obbligo delle vaccinazioni.

PERCHE’ SONO CONTRO L’OBBLIGO DELLE VACCINAZIONI

di: Franco Libero Manco (presidente AVA)

 

Non sono un medico, un chimico, un biologo, quindi mi baso sulla logica e sul buon senso, che spero di avere. Sono contro l’obbligo delle vaccinazioni obbligatorie perché ritengo sia una manovra  estremamente pericolosa che può produrre generazioni di ammalati e dipendenti dalla chimica in modo da poterli curare a vita.

  •  Quale necessità è stata manifestata negli ultimi anni al punto  da portare da 4 a 12 i vaccini obbligatori?
  • Quali garanzie di innocuità offrono? Se i vaccini sono innocui perché solo in Italia in 580 cause legali lo Stato ha dovuto risarcire i danneggiati da vaccini?
  • Cosa dicono le statistiche in merito alla salute a breve e lunga distanza di tempo tra coloro che non sono stati vaccinati e coloro che hanno  scelto di vaccinarsi?
  • Dal momento che le vaccinazioni pur essendo diffusissime nei Paesi del Terzo Mondo  (con tassi di vaccinazioni di oltre il 90% dei bambini presenti) perché hanno un altissimo tasso di mortalità infantile? Esiste una correlazione tra il Tasso di Mortalità Infantile e vaccinazioni?
  • Perché  il Tasso di Mortalità infantile è più alto nelle nazioni in cui si  somministrano ai bambini il maggior numero di vaccini?
  •  Piuttosto che obbligare in massa i bambini al vaccino non è più giusto, saggio e salutare rendere obbligatoria una visita medica prima di essere ammessi nelle scuole?
  • Piuttosto che vaccinare contro le malattie non sarebbe quanto mai più giusto, più sacrosanto ed opportuno  indagare ed intervenire sulle cause che le determinano? (denutrizione, mancanza di igiene, ignoranza ecc.)
  • L’obbligo di vaccinazione non solo lede la libertà di scelta sancita dalla Costituzione ma condanna assurdamente il genitore inadempiente alla sospensione della potestà

Il bambino vaccinato è di fronte alle seguenti possibilità:

1)      Sarà immune al contagio solo delle malattie per cui è stato vaccinato;

2)      Può verificarsi un indebolimento delle difese immunitarie con possibilità di essere esposto a malattie nel corso della vita che sarà difficile correlare alla vaccinazioni;

3)      Potrà, in casi eccezionali, sviluppare  una grave malattia e a volte anche morire.

La specie umana è la sola che ha necessità di ricorrere alle vaccinazione per garantire a se stessa quella salute che ogni altra specie possiede senza l’ausilio di alcun apparato medico, farmacologico, vaccinale. Perché la specie umana tra tutte le specie animali è anche la più devastata da malattie?

Vaccinare un bambino sanissimo di pochi mesi di vita è un crimine se non si hanno le garanzie statistico-scientifiche della innocuità del farmaco, perché significa inoculare nel suo organismo, il cui sistema immunitario è ancora immaturo, sostanze riconosciute tossiche e delle quali non si conoscono gli effetti a breve e a lunga scadenza di tempo.

Con queste prospettive siamo proiettati verso vaccinazioni sistemiche: appena nati vaccineranno i bambini contro lo smog, il fumo di sigaretta, la droga, la depressione ecc. ecc.

 

PERCHE’ IL MALE TRIONFI E’ SUFFICIENTE

CHE I BUONI RINUNCINO ALL’AZIONE

(Edmond Burke)

 

Promozione coupon sconto maggio 2017

In occasione del prossimo Rievolution Fruit Fest del 27 e 28 maggio, sperando di fare cosa gradita, abbiamo deciso di promuovere un coupoun sconto per favorire chiunque volesse acquistare i nostri prodotti con una sconto del 15% valido da 10 Maggio fino al 10 Giugno 2017

Per chi non avesse mai usato il Coupon sconto, è semplice da usare, basta inserire il codice: innerclean2017  prima di effettuare il pagamento

Grazie a tutti

Il Pane Ehretista integrale di Arnold Ehret

Ecco delle ricette ottime per la transizione, che potete poi sviluppare voi anche aumentando i vegetali o facendoli più fini, stile essicati-crudisti. Le ricette sono due diverse, uno è con crusca grezza, e l’altro con farina integrale. Le ricette sono elaborate da Paola Pinto sole e sono estratte dal suo blog che trovate riportate in fondo all’articolo. Avevo già pubblicato anni fa questo articolo qui sul sito dedicato ad Ehret , e lo ripubblico anche qui a beneficio di tutti gli interessati ad un percorso di pulizia interna

PANE EHRETISTA CON FARINA INTEGRALE

(di Paola Pinto Sole)

pane di ehret

Ho voluto cimentarmi nella preparazione del pane descritto nel libro di Ehret…pensavo mi prendesse un sacco di tempo, infatti era almeno una settimana che rimandavo, invece la preparazione è stata velocissima!

La storia è andata così: un giorno ho incontrato in un supermercato una ragazza, Daniela, mentre impazzivo per trovare dei prodotti Vegani che non è facile reperire sempre, così parlando di dove potevo trovare un buon negozio per Vegani è uscito fuori il fatto che volevo provare a fare il pane di Ehret, per il quale mi serviva della farina di Crusca grezza, allora Daniela mi parla delle farine di URUPIA e si offre di regalarmene un po’ per provare, in quanto era tardi e non avrei potuto comprarla nel posto che mi aveva indicato…detto fatto!!!…la seguo fino a casa sua e mi fà questo magnifico regalo! Un bel sacchetto di farina di Urupia!!! Grazie Daniela!!!

A volte uno sconosciuto ci accoglie senza preconcetti e si apre un mondo bellissimo!!! …ma anche noi dobbiamo essere aperti per fare in modo che il mondo si riveli a noi!

Così grazie a Daniela ho scoperto il mondo di Urupia (leggi qui!) dove si sogna un mondo diverso!

Ma veniamo al pane di Ehret. La ricetta originale è questa copiata pari pari dal libro di Ehret:

cit. “Mescolare della farina di frumento grezza di crusca o integrale con delle carote crude grattugiate, metà e metà, aggiungere poca farina bianca suficiente a formare l’impasto, poi aggiungere un pochino di mele grattugiate e una manciata di noci macinate e dell’uvetta, se si desidera.Cuocere molto lentamente e bene in forno. E’ meglio mangiarlo dopo due o tre giorni oppure ben tostato.”

Visto che non avevo la farina di crusca o integrale e non volevo aggiungere farina bianca, ho pensato bene di utilizzare come “farine” solo quella di Urupia essendo prodotta con semi antichi, non modificati e coltivati in maniera etica ed antica.

Così ecco la mia reinterpretazione della ricetta di Arnold Ehret alla quale ho eliminato la farina bianca e sostituito la farina di Crusca o Integrale con la farina di Urupia:

             

INGREDIENTI

250 gr di farina di Urupia

250 gr di carote crude grattugiate

1 Mela grattugiata

1 manciata di Noci sbriciolate grossolanamente

preparazione 10 minuti, cottura 70 minuti a 150° e 20 minuti a 100°

PREPARAZIONE:

mescolare farina e carote grattugiate, impastare e aggiungere la mela grattugiata (appena aggiungerete la mela l’impasto legherà subito), unire i gherigli di Noce sbriciolati e dare l’ultima veloce impastata. Tutto questo in 10 minuti, quindi non occorre impastare molto.

Fare delle forme di pane schiacciate in modo che la cottura avvenga bene anche all’interno.

— Fatelo più schiacciato di come l’ho fatto io. —

Mettere in forno già caldo a 150° per circa 40 minuti, poi girare il pane e cuocere ancora per 30 minuti, infine abbassare la temperatura a 100° e cuocere ancora per 20 minuti. Il pane è pronto!!!

Ora se volete mangiarlo subito fate raffreddare un pochino, poi tagliatelo a fette grosse e passatelo in forno a 200° finché si tosta, oppure aspettate 2-3 giorni, come dice Ehret , prima di mangiarlo!

Devo dire che il risultato è ottimo, l’unico problema è che dovevo farlo ancora più schiacciato di come vedete nelle foto, praticamente sarebbe stato meglio stenderlo come una pizza sulla teglia! In questo modo si sarebbe cotto un po’ prima e si sarebbe anche tostato! Sarà per la prossima volta.

Il sapore, ovviamente, è un po’ dolce per via delle carote, ma a me è piaciuto molto, d’altronde è un pane con poco muco no!?

—————————————————————————————————-

IL PANE EHRETISTA CON CRUSCA GREZZA

(di Paola Pinto Sole)

Ho fatto il “Pane con poco muco” di Arnold Ehret, anche con crusca grezza,  ma è stato quasi impossibile riuscire a legare l’impasto, infatti invece di 1 Mela, come per quello precedente con farina integrale, ne ho usate 3! Ma è rimasto comunque difficile avere un impasto legato. Ma sono comunque andata avanti stendendo tutto l’impasto sulla placca da forno con della carta da forno sotto e prolungando i tempi di cottura.

PREPARAZIONE:

250gr di crusca grezza

250gr di Carote grattugiate

3 Mele

1 Manciata di gherigli di Noci

1 manciata di Uva pasa

Mischiare crusca e Carote, aggiungere 3 Mele grattugiate e cercare di legare l’impasto, unire Noci e Uvetta. L’impasto non legherà molto ma non importa, stendete su placca da forno, con carta oleata, fino a coprire tutta la superficie.

Infornare e accendere a 150° per 45 min. poi abbassare a 100° per 30 min. e poi spegnere il fuoco superiore e continuare per altri 30 min. solo con il fuoco inferiore.

Io ho usato un forno ventilato con grill superiore ed inferiore.

Il pane deve riposare per rapprendersi circa 3 giorni e poi mantiene per circa una settimana.

Dal sito pablitagrace.jimdo.com

Grazie a tutti.

[Read more…]

Il cancro non sta cercando di ucciderti, sta cercando di salvarti

Il seguente Articola riporta la traduzione in italiano dell’intervista “Cancer is not trying to kill you, is trying to save you”(Il cancro non sta cercando di ucciderti, sta cercando di salvarti) ad Andreas Moritz.

Sistema immunitario, sistema linfatico e tossine

fegato disegnoIl sistema immunitario è sempre attivo per mantenere il corpo libero da agenti contaminanti. Abbiamo cose come i macrofagi che divorano prodotti di rifiuti come le tossine e agenti chimici, convertendoli in materiale innocuo. Essi circolano per la maggior parte nel sistema linfatico. Le cellule immunitarie sono lì innanzitutto per assicurare che il corpo resti libero dalle tossine, se questo non è possibile perché alcuni organi come il fegato, l’intestino, i polmoni, i reni, la pelle diventano oberati dalle tossine e non riescono più ad eliminarle con la stessa velocità con cui sono generate, il corpo è praticamente obbligato ad iniziare ad accumularle e stivarle nella matrice extra-cellulare (ndr. quel grande mare in cui sono immerse le cellule e che si occupa dello scambio nutrienti/rifiuti con esse). Il sistema linfatico ha piccoli punti qui, piccoli capillari che drenano, risucchiano tutti i materiali di rifiuto cercando poi di riconvertirli al fine di detossificare l’organismo attraverso l’arsenale di armi difensive del sistema immunitario. Quando ci sono troppe tossine create solitamente nel tratto gastro intestinale che poi si riversano nel sistema linfatico, a quel punto il sistema immunitario si indebolisce a forza di combattere costantemente questi veleni che non possono più essere rimossi ed è qui che il corpo inizia ad accumulare tossine.

Mutazione cellulare

Quindi la prima linea di difesa, il sistema immunitario lavora per cercare di tenere il corpo sano, ma quando questi rifiuti arrivano a soffocare le cellule, le quali non riescono più a respirare, non riescono più a nutrirsi adeguatamente, esse devono mutare in cellule cancerogene al fine di mantenere qualche sorta di funzionamento o per drenare via le tossine, come i funghi tengono pulito dai veleni il suolo della foresta, per tenere appunto il resto della foresta in buona salute. Quindi in natura abbiamo situazioni simili e questo avviene anche nel nostro corpo se diventiamo intossicati. [Read more…]

Ricetta Curativa dell’ Aloe di Padre Romano Zago

Molto conosciuta da molti che l’hanno provata nelle sue varie forme, raccontiamo qui la storia di questa ricetta e di come lavorano i composti di cui è formata:

Innanzitutto vediamo chi è Padre Romano Zago ?

padre-romano-zagoNato in Brasile, nell’attuale comune di Progresso, l’11 aprile del 1932, Romano Zago, ascendenti italiani, entra appena undicenne nel seminario Serafico “San Francesco” di Taquari dove porta a termine gli studi. Diviene novizio nel 1952. Studia filosofia a Daltro Filho e Teologia a Divinipolis, in Mato Grosso, e viene ordinato sacerdote nell’ordine dei Frati Minori. È presto nominato professore presso il seminario di Taquari dove aveva iniziato i suoi studi, nel 1971 si laurea anche in lettere ed insegna Francese, Spagnolo, Portoghese e Latino nelle varie case del suo ordine. Nel 1991 viene inviato a prestare il proprio servizio in Israele, dove prosegue nell’insegnamento ai giovani.
Oggi vive e lavora in Brasile, dove è tornato al termine della sua missione in Terrasanta.

Una bevanda “straordinaria”

È in Israele che Padre Romano elabora la sua scoperta. L’aloe , o Babosa, presente in abbondanti quantità nella regione, è la “materia prima” su cui egli concentra la propria attenzione, nei momenti liberi. “Conoscevo già la pianta – dichiarerà in seguito il religioso – in Brasile, mia madre ce la dava sempre come lenitivo, quando da bambini ci ferivamo giocando o per tante piccole cose legate ai guai fisici. Ma allora non credevo che una pianta così piccola e diffusa potesse avere un potere guaritivo così grande”.
Mescolando il succo ricavato dalla frullatura delle foglie della pianta con semplice miele d’api e grappa, ottiene un composto dalle proprietà guaritive straordinarie. I suoi primi “pazienti”, cui Padre Romano dona alcune dosi della bevanda, sono alcuni cittadini indistintamente di religione cristiana, ebraica, musulmana.

La ricerca di Padre Romano Zago è pubblicata sulla nota rivista “Terra Santa” e su altre riviste specializzate e di rilievo. È l’inizio della notorietà per il frate francescano e il suo elisir di lunga vita. Rientrato in Brasile nel ’95, Padre Romano Zago divulga ulteriormente la sua formula, e comincia a dedicarsi in modo continuativo alla sua sperimentazione e alla cura degli ammalati più gravi e disperati. Convinto dalle numerose guarigioni straordinarie, raccoglie la sua esperienza nel libro “O cancer tem cura” (“Di cancro si può guarire”, edizione italiana Adle edizioni, Padova), in cui Padre Romano espone con semplicità e chiarezza, la pratica della cura della “malattia del secolo” attraverso la sua bevanda a base di Aloe. Se alcuni sono guariti avvalendosi di questo metodo semplice ed economico, perché non offfrire questa stessa opportunità a più persone? Ecco il mio unico obiettivo”, spiega nel suo libro Padre Romano Zago.

Nel volume, tra gli altri capitoli dedicati a spiegare la forza del preparato anche rispondendo con precisione ad alcune tra le più comuni domande che possono sorgere di fronte alla portata rivoluzionaria del prodotto, spicca il capitolo “Internazionalizzazione della formula”. In esso viene spiegato come il preparato a base di Aloe ha trovato via via accoglimento in molti paesi, acquisendo dignità di cura completa contro gravi malattie, e vengono riportate numerosissime testimonianze di persone guarite perfettamente grazie all’assunzione del preparato.

Padre Romano Zago nel 1998 ha concesso l’autorizzazione ad un’industria brasiliana a produrre in suo nome il preparato a base di Aloe. È da qui che prende il via la storia dell’ “Aloe di Padre Romano Zago”, bevanda fedele alla formula originale, e commercializzata in numerosi paesi.
Nello stesso anno veniva istituita la Fondazione “Fra Romano Zago”, che oltre ad essere attiva nel sostegno a persone in difficoltà e nella solidarietà in genere, conduce un’intensa attività di diffusione e ricerca sui vantaggi e sulle proprietà curative dei prodotti naturali, fra cui l’Aloe ha, ovviamente, un posto di primo piano. [Read more…]

Differenze tra Estraggo Pro e Estraggo Easy……

Una recente novità nella famigli dell’Estraggo è l’Estraggo Easy , molto più economico dell’estraggo Pro, ma non per questo meno affidabile…

Per gli amici che che chiedono informazioni tecniche sulle differenze ecco  un facile schema da consultare e confrontare fra i due prodotti:

ESTRAGGO PRO VS ESTRAGGO EASY

Estraggo PRO Estraggo Easy
3 filtri in dotazione

A fori stretti, a fori larghi, filtro cieco

2 filtri in dotazione

A fori stretti, filtro cieco

Motore da 240W di potenza, a induzione, completamente in acciaio Motore da 240W di potenza
60 giri al minuto 55 giri al minuto
Forza di estrazione 40 Nm Forza di estrazione 30 Nm
Lavoro continuativo: 2 ore Lavoro continuativo: 30 minuti
Garanzia 5 anni sul motore, 2 sulle plastiche Garanzia 2 anni su tutto
Kit di guarnizioni di ricambio compreso – – –
Imboccatura extralarge Imboccatura extralarge
Materiali BPA free Materiali BPA free
Tappo salvagoccia Tappo salvagoccia
Coclea con borchiatura, per processare al meglio le verdure a foglia Coclea con borchiatura, per processare al meglio le verdure a foglia
Pratica impugnatura Pratica impugnatura
Manuale e ricettario in italiano Manuale e ricettario in italiano
Estraggo PRO Estraggo EASY

Estraggo Easy è una sorta di “fratellino” di Estraggo Pro, meno performante pur facendo tutto quello che è possibile fare con il Pro. Mentre Estraggo Pro è un dispositivo che può sopportare i carichi di lavoro della ristorazione, Estraggo Easy è perfettamente adatto a un uso domestico. Ha due filtri in dotazione anziché tre, e a differenza del Pro non è incluso il kit di guarnizioni di ricambio, che è acquistabile a parte all’occorrenza. Restano presenti manuale e ricettario in italiano e lo spazzolino per la pulizia. 

Di sicuro, per essere stato il primo estrattore professionale presentato in Italia e tuttora il più performante, Estraggo Pro ha un prezzo talmente vantaggioso che il suo acquisto risulta un vero affare.

E in più per chi volesse abbiamo una convenzione con la Siqur salute per avere sconto sulla spedizione e omaggi fra cui il ricettario, per maggiori info : info@innerclean.it 

Per ulteriori info a riguardo consultare la pagine Sull’estraggo : Estraggo 
Grazie

Aiuti aromatici per i muscoli

Lozione Rosmarino

Sono tante le essenze che possono risultare utili a chi pratica attività sportiva. Vediamone alcune (per una panoramica completa si veda l’ultimo numero de L’altra medicina magazine, in edicola ancora per una settimana).

Partiamo dalla menta 
E’ utile nella prevenzione e nella cura delle tensioni muscolari e nel trattamento delle contusioni e delle distorsioni, degli indolenzimenti articolari in generale. Grazie all’immediato senso di freddo legato alle applicazioni sulla pelle regala sollievo alle zone surriscaldate e dolenti, mentre le sue proprietà purificanti ed antisettiche, la rendono un ausilio prezioso anche nella prevenzione delle infezioni, frequenti negli ambienti sportivi (docce, spogliatoi, palestre).

Rosmarino, timo ed eucalipto
Sia l’olio essenziale di rosmarino che quello di timo possiedono – applicati per via esterna – un’azione tonificante sulla microcircolazione del sangue, utile per favorire l’ossigenazione dei tessuti, preparare i muscoli allo sforzo e contrastare eventuali successivi indolenzimenti muscolari. Gradevole anche l’effetto termico riscaldante, tipico del timo. La presenza dell’eucalipto nelle preparazioni ad uso sportivo viene invece giustificata sia dalle sue proprietà antidolorifiche ed antinevralgiche che dalle sue note fresche, capaci di favorire la concentrazione e “raffreddare” gli animi in caso di eccitazione, ad esempio in occasione delle competizioni sportive.

Per tenere duro
La verbena è l’essenza dell’energia e della dinamica: rappresenta l’aroma ideale quando bisogna trovare la forza di andare avanti a qualsiasi costo, resistendo al limite delle proprie possibilità. Una goccia o due sulla pelle, nell’olio da massaggio, conferiscono agli sportivi la tenacia necessaria per completare un allenamento particolarmente duro o una gara difficile. [Read more…]

La scienza nutrizionale del Prof Calabrese

Franco Libero MancoDi Franco Libero Manco:
Quando in televisione si parla di alimentazione non convenzionale, esperto di turno è l’onnipresente professor Calabrese il quale, sentendosi depositario della verità scientifica in fatto nutrizionale, usa trattare con sufficienza, se non commiserazione, ogni interlocutore che non preveda nella sua dieta l’illuminante formula “Mangiare un po’ di tutto”. Quel mangiare un pò di tutto che già fanno tutti, da sempre, e che è stato ed è la rovina fisica, mentale e morale della specie umana. Occorre si mangiare un pò di tutto, ma di tutto ciò che è compatibile con la nostra natura.
Per il prof Calabrese le argomentazioni che non siano figlie della scienza ufficiale sono esternazioni improvvisate senza alcun valore, non degne di considerazione: di persone che parlano di problemi di cui non hanno conoscenza.

Ma da dove viene il sapere del prof Calabrese se non dalla medesima procedura di molti che, senza cercare riconoscimenti ufficiali, cercano, nella letteratura di scienziati e ricercatori indipendenti, i meccanismi della vera salute? Ma probabilmente il professore Calabrese snobba l’immensa letteratura dell’igienismo scientifico che ha come rappresentanti gente dal calibro di H. Shelton, B. Benner, H. Diamond, M.C. Latham, H. Chittenden, A. D’Elia, L. Costacurta, G. Tallarico, A.I.Mosseri, B. Commoner ecc. Tilden, Trall, Bircher ecc.
“Chi non prevede prodotti animali nella dieta diffonde concetti pericolosi per la salute delle persone”. Noi riteniamo che l’alimentazione carnea appartiene all’era dell’uomo delle caverne, a contesti naturali non più giustificabili. Pericolosi quanto irresponsabili sono invece gli inviti a consumare prodotti di cui è ampiamente dimostrata la dannosità per la salute umana. Un genitore ragionevole, informato, che ama i propri figli non dà da mangiare animali ai suoi bambini.

mangiare-di-tutto-un-pocoA quale scienza si appella il prof calabrese? Alla scienza che fino al secolo scorso proibiva alla gente il consumo di frutta e verdura cruda ritenendola causa di malattie? Alla scienza della FDA che negli anni 70 prevedeva 300 grammi di proteine al giorno e che negli anni 80 erano calate a 250, negli anni 90 a 200, nel 2000 erano state ulteriormente decurtate a 150 e portate attualmente a 75? Alla scienza dell’alimentazione onnivora che ha prodotto più morti di tutte le guerre che ci hanno preceduto? Alla scienza che va avanti per tentativi e che quello che oggi afferma domani smentisce? Alla scienza degli ospedali e delle cliniche che come in gironi danteschi traboccano di gente in cerca di cure? (non c’è mai stata una generazione più ammalata dell’attuale, più precaria nella salute, più bisognosa di assistenza sanitaria). Alla scienza che assorbe sostanze economiche ed umane inimmaginabili e che non è in grado di debellare il raffreddore e assiste impotente ai mille casi di tumore che si aggiungono ogni giorno solo in Italia? Alla scienza che tramite la vergogna della pratica vivisettoria cerca nelle viscere dei topi la soluzione alle malattie umane e che col Talidomite fu la causa di diecimila bambini focomelici? [Read more…]

Alla larga dalle diete ….. viva il buon senso

frutta e verdura
ALLA LARGA DALLE DIETE
La dieta migliore è quella che non si fa
Franco Libero Mancodi Franco Libero Manco

Negli ultimi anni imperversa un numero impressionante di diete proposte da personaggi che, tranne poche eccezioni, hanno poco o nulla a che fare con la scienza dietologica: furbastri che si arricchiscono sfruttando l’ignoranza assai diffusa in fatto nutrizionale. E così c’è
– La dieta Hig-Protein Low-Card, che prevede molte proteine e pochi carboidrati.

– La dieta Pritikin che utilizza percentuali molto elevate di carboidrati (circa il 76 % delle calorie giornaliere) a fronte di quantità ridottissime di lipidi.

– La dieta Atkins iperproteica, iperlipidica e a basso apporto di carboidrati.

– La dieta a Punti che assegna ai vari alimenti un punteggio che non bisogna superare a fine giornata.

– La dieta Beverly Hills con uno scarsissimo apporto di proteine e lipidi, che dura un mese e varia ogni settimana.

– La dieta Ornish, che propone una dieta vegetariana povera di grassi e ricchissima di carboidrati.

– La dieta del Minestrone che prevede minestroni, verdura e succhi di frutta in quantità industriali.

– La dieta dei Gruppi Sanguigni che differenzia l’alimentazione in base al gruppo sanguigno delle persone: 0, A, B, AB.

– La dieta Biogenic che suddivide i cibi in 4 gruppi in ordine decrescente di energia.

– La Crono Dieta che si basa sulla capacità dell’organismo di assimilare i nutrienti a seconda del momento della giornata.

– La dieta a Zona con una quota di carboidrati molto bassa e l’apporto di grassi e proteine del 30% delle calorie giornaliere.

– La dieta del Gelato con un gelato e una porzione di frutta al posto del pranzo.

– La dieta del Panino previsto al posto del pranzo, un tramezzino o un toast.

– La dieta Messegué che autorizza a mangiare per 6 giorni alla settimana in modo libero e poi stare a dieta al settimo giorno.

– La dieta del Pompelmo che propone il consumo di mezzo pompelmo prima di ogni pasto.

– La dieta dell’Uovo Sodo che autorizza a mangiare in quantità illimitata un solo qualunque alimento.

– Poi c’è la dieta dell’Indice Glicemico, la dieta South Beach, la Dieta in Rete ecc. ecc. [Read more…]

Orari estivi ad agosto per le spedizioni Innerlcean

logo innercleanSalve a tutti, comunico a tutti gli interessati che vogliono avere i prodotti innerclean durante il periodo estivo che ho ricevuto gli orari per le spedizioni estive, dei laboratori Vidia-Innerclean Italia.
Il sito www.innerclean.it sarà sempre aperto, ma i laboratori chiuderanno per ferie dal 7 al 27 agosto.

Saranno garantite le spedizioni degli ordini entro il 2 Agosto di mattina al massimo

Grazie a tutti

Succo di Rapa Rossa – Barbabietola

barbabietoleSucco di Rapa Rossa – Barbabietola

Questo è uno dei succhi più importanti per aiutare la produzione di globuli rossi e tonificare il sangue in generale. Le donne in particolare ne traggono beneficio bevendo almeno un litro al giorno di una combinazione di succo di carota e di barbabietola. La proporzione in questa combinazione può variare da un quarto a mezzo litro di succo di barbabietola per litro.

Preso da solo, in quantità maggiore di un bicchiere da vino, il succo di barbabietola può provocare una reazione di disintossicazione con vertigini o nausea. Questo può essere un effetto collaterale della pulizia del fegato e può essere fastidioso.

Per esperienza sappiamo che all’inizio è meglio prendere meno succo di barbabietola e più di carota fino a quando uno può tollerare il suo effetto benefico di pulizia aumentando poi gradualmente la percentuale di succo di barbabietola. Un bicchiere di circa 200 ml due volte al giorno di solito è da considerarsi sufficiente.

Per disturbi mestruali il succo di barbabietola è molto utile, in particolare quando, durante tali periodi, è utilizzato in piccole quantità, non più di un bicchiere alla volta due o tre volte al giorno. Durante la menopausa questa procedura è stata molto più utile che assumere farmaci o ormoni sintetici che producono effetti sempre degenerativi. Dopo tutto qualsiasi farmaco o prodotto chimico inorganico sintetico non può dare più che un sollievo temporaneo. Chi prende tali farmaci o ormoni sintetici può soffrire quando il corpo e la Natura si uniscono nel tentativo di eliminare tali materiali inorganici dall’organismo. Qualsiasi farmaco di cui si può garantire che allevia o cura in modo permanente qualsiasi malattia del corpo, si può anche garantire che più in là nel tempo darà inizio a qualche altra malattia probabilmente più grave. Alla fine è chi prende il farmaco che ne fa le spese, non quelli che lo pubblicizzano o lo prescrivono.

Dopo tutto la Natura ci ha fornito mezzi appunto naturali con cui possiamo ritrovare salute, energia vigore e vitalità. [Read more…]

Nessun minerale vale se privo di vibrazioni

Valdo

I minerali, per essere assimilati, per essere preziosi e non dannosi alla salute, devono essere in stato organico, devono cioè essere stati organicati naturalmente dalla funzione clorofilliana e dal magico e paziente intervento del sole.

Solo in questo caso i minerali vengono accettati senza riserve, senza effetti collaterali, e apportano beneficio subito, domani e dopodomani, e non solo in via provvisoria e con modalità stimolatorie, illusorie, scombussolanti e droganti.

Un minerale organicato od organico è tutto un’altra cosa rispetto a un minerale duro

Per capire meglio la netta distinzione tra minerale organico (sempre buono) ed inorganico (sempre cattivo), occorre fare alcune considerazioni ed alcuni raffronti, che hanno valore di leggi precise e inamovibili, e che nessuna industria e nessun ricercatore Nobel o non-Nobel potranno mai stravolgere o modificare:

1) Ogni volta che i minerali stanno depositati nel terreno, o disciolti nell’acqua, o fusi in una struttura
metallica, essi sono in stato inorganico.
2) Ogni volta che i minerali stanno all’interno di una pianta viva, non sottoposta a processi di cottura o di trasformazione industriale, essi sono invece allo stato naturale ed organico.
3) Al mondo nessuno è in grado di trasformare i minerali dallo stato inorganico in quello organico,
all’infuori delle piante vive ed esposte al sole, con radici attecchite su un terreno fertile ed irrigato.

4) Gli animali alati e quadrupedi, ma soprattutto i bipedi umani, devono per forza prendersi la propria quota giornaliera minerale dal regno vegetale, oppure mediante sopraffazione su altri animali,
catturandone la carne e consumandola a crudo.

5)I minerali inorganicati non sono solo inutili ma anche velenosi per l’organismo.

Il ferro del sangue e quello del chiodo hanno la stessa formula chimica.

Il ferro che abbiamo nel sangue ha infatti la stessa esatta composizione del minerale ferro che sta in un comune chiodo. Chimicamente parlando, ferro è ferro dovunque esso sia.
Stesso discorso per il calcio delle ossa, che è simile a quello della roccia, ovvero alla dolomite.


Essere simili chimicamente non vuol dire esserlo biologicamente ed alimentarmente
[Read more…]

Innerclean tisana una scelta ottimale

Innerclean tisana2

La grande novità nel nostro sito è stata l’offerta della tisana innerclean secondo la formula originale

Questa versione di innerclean in formato tisana è ottimale per un rapporto qualità prezzo rispetto alle altre combianzioni, ed anche per il suo gusto leggermente più gradevole rispetto alla stessa composizione in polvere.

Il gusto amaro dell’innerclean è assente anche nel formato Veg-capsule che però hanno un costo maggiore. Quest’ultime sono anche le più pratiche in viaggio, ma la tisana anche è molto facile da gestore e assumere la sera sia calda che in “infusione a freddo”

Pratica da bere come tisana sia calda che raffreddata.

Per chi preferisce avere un effetto più blando e leggero può lasciare le foglie in acqua pura per un giorno interno e bere l’acqua filtrata senza foglie, la sera prima di dormire.

Tutte le novità qui nella pagina dedicata all’ Innerclean Tisana

Mentre nello store lo trovate qui:

Innerclean foglie taglio tisana 100 gr.
Innerclean foglie taglio tisana 100 gr.
Innerclean in forma di foglie per tisana 100 gr.
Prezzo: €15.00
Prezzo: €12.90

 

Germogliatore a irrigazione automatica Germoglio

Abbiamo da poco avuto modo di conoscere il meraviglioso mondo dei germogli e sopratutto direttamente con la praticità di un germogliatore automatico  quale è Germoglio. abbiamo creato una pagina ufficiale su Germoglio qui, ed abbiamo voluto presentarlo anche sotto forma di articolo informativo.

============

Con il suo funzionamento semplice e COMPLETAMENTE AUTOMATICO, Germoglio vi permetterà di godere di germogli freschi tutto l’anno. Aggiungendo semplicemente semi e acqua, è possibile ottenere germogli freschi e biologici in soli 3-5 giorni, sufficienti per il fabbisogno settimanale di una famiglia di 4 persone!

Un approvvigionamento continuo di enzimi, vitamine, sali minerali, oligoelementi, aminoacidi e proteine, che conferiscono al tuo corpo un’incredibile carica energetica!

Scopri tutte le proprietà di Germoglio e dei semi con il libro ufficiale disponibile online.

Compra subito anche i semi di Germoglio selezionandoli qui sotto o clicca qui per vederli tutti nel dettaglio

 

germoglioDESCRIZIONE

1. Tutta la macchina è composta da materiale plastico privo di tossicità.
2. Germoglio è COMPLETAMENTE AUTOMATICO. Aggiungendo semplicemente acqua, Germoglio annaffia i semi al posto vostro, donandovi germogli ricchi di energia in soli 3-5 giorni!
3. Bassissimo consumo di energia (15W), poco rumore e nessuna vibrazione.
4. Si possono coltivare quattro varietà diverse di germogli contemporaneamente. Broccoli, erba medica, ravanello, fieno greco, cipolla, trifoglio rosso, cavolo, girasole, e molte altre verdure possono essere fatte germogliare.
5. Per i bambini è interessante ed educativo guardare i semi germogliare a casa.
6. Quando non in uso, Germoglio può essere smontato e riposto senza eccesivo ingombro.

BPA FREE

Tutte le plastiche di Germoglio a contatto con i germogli sono BPA free, cioè esenti da sostanze tossiche che a lungo andare possono favorire carcinomi mammari e prostatici, modifiche biochimiche nel cervello, problemi riproduttivi, obesità e disturbi neurologici.

PERCHE’ SCEGLIERE UN GERMOGLIATORE AUTOMATICO?

L’innaffiamento automatico non solo evita la perdita di tempo dell’innaffiatura manuale, ma previene anche il rischio di formazione di muffe, molto alto quando non si sanno dosare le quantità d’acqua [Read more…]

Antiparassitario vegetale naturale

Come ottenere semplicemente, un antiparassitario naturale con soli prodotti vegetali naturali…….

 

LA Farina 00 produce “colla” nel nostro apparato digestivo

farina

La flora batterica intestinale, quella così detta buona, si trova nell’intestino e una cattiva alimentazione potrebbe in qualche modo danneggiarla, renderla meno efficiente.

La Farina 00 produce una colla nell’organismo causa di Stanchezza, Mal di testa e Malattie, perché in fondo la salute, o meglio, la buona salute dipende in massima parte dal buon funzionamento dell’intestino. La flora batterica intestinale, quella così detta buona, si trova nell’intestino e una cattiva alimentazione potrebbe in qualche modo danneggiarla, renderla meno efficiente.  Del resto quando si ha qualche problema intestinale, gran parte dell’organismo ne risente. Lo sanno bene gli uomini che se ne accorgono immediatamente quando si radono, perché la pelle del viso si sgrana più facilmente. La buona salute passa inevitabilmente per una sana alimentazione, questo ormai lo sanno un po’ tutti, e tra gli alimenti che hanno un impatto maggiore, in negativo ovviamente, sulla salute vi sono tutti quelli raffinati come lo zucchero e la farina doppio zero. Questi andrebbero eliminati, ma mentre per lo zucchero è più facile, perché basta scegliere dolcificanti alternativi, come lo Stevia, per la farina è più difficile perché fare a meno del pane e della pasta è decisamente più complicato. Come rinunciare ad una buona pasta e fagioli o al pomodoro e basilico, eppure sarebbe una scelta da fare.

La farina 00 è una conquista recente, diciamo così, perché è stata messa in commercio circa una sessantina di anni or sono, soppiantando in poco tempo le farine integrali, ed è priva del germe di grano e della crusca.

Quando si assumono alimenti a base di farina 00, questa durante la digestione diventa una specie di colla che aderisce alle pareti dell’intestino in cui proliferano parassiti e candida, mettendone a rischio la funzionalità e danneggiando quindi anche la flora batterica intestinale. [Read more…]

Dieta liquida e miglioramento del metabolismo

Dieta liquidaFrullati, centrifugati, succhi e zuppe sono gli alleati ideali per ripulire il corpo dalle tossine e rigenerare le energie: scopri come farlo in una sola giornata

Una dieta liquida, a base cioè di frutta e verdura centrifugate o frullate, riduce il lavoro digestivo e l’ago della bilancia può scendere anche velocemente. Ma attenzione: i liquidi da soli e per un tempo prolungato non sono assolutamente un buon sistema per dimagrire, perché il calo di peso in questi casi non è dovuto alla perdita di grasso, bensì di massa magra, cioè di muscoli. E non appena si ricomincia a mangiare si ingrassa.
Non bisogna mai prolungare troppo la dieta liquida

Una riduzione eccessiva di calorie “affama” le cellule, innescando un meccanismo pericoloso e controproducente: dopo aver consumato le scorte di zuccheri al livello del fegato e dei muscoli a loro disposizione, per nutrirsi le cellule intaccano le proteine, che rappresentano un carburante più facile da usare rispetto al grasso. Risultato: diminuisce la massa muscolare, con almeno due spiacevoli effetti collaterali.
– I muscoli per vivere hanno bisogno di molta energia, e sono la parte del corpo che brucia di più anche a riposo: quindi, perdendo muscoli l’organismo riduce il suo fabbisogno energetico e necessita di una quantità inferiore di cibo per vivere.
–  Inoltre, quando la persona riprende a mangiare normalmente è destinata a recuperare in poco tempo il peso perso, più altri chili “nuovi”: infatti, è stato verificato che non appena ha di nuovo nutrienti a disposizione, una cellula che ha sofferto la fame tende ad accumulare grasso dieci volte di più della norma, per avere una scorta con cui far fronte a un altro periodo di “magra”.

I vantaggi del cibo fluido:
La dieta liquida può essere un ottimo sistema per disintossicare l’organismo, eliminando tossine e scorie accumulate che possono in alcuni casi influenzare anche il metabolismo, rallentandolo. In particolare, è depurativa nei confronti degli acidi tissutali provenienti dall’alimentazione e dalle reazioni metaboliche: quando la concentrazione di queste sostanze nei tessuti diventa eccessiva, il corpo cerca di libersarsene producendo infiammazioni, dolori alle articolazioni e ai muscoli, eczemi o allergie. Sono molte le implicazioni dell’acidosi tissutale, anche a livello del sistema nervoso. Perché quando l’accumulo diventa eccessivo,  può bloccare il metabolismo. In via indiretta, quindi, l’acidosi può influire sul peso corporeo ed essere la causa degli accumuli adiposi».

Inizia appena sveglio
“Bevendo” frutta e verdure si può perdere peso già dopo una giornata in tutto o in parte liquida. Comincia la mattina con…
L’ananas anti ritenzione
Il succo di ananas è utile per contrastare la formazione di cellulite. Questo frutto contiene un enzima, la bromelina, che aiuta a smaltire le proteine. Nell’iter di formazione della cellulite si arriva a uno stadio in cui le proteine ristagnano negli interstizi tra le cellule, richiamando una maggiore quantità di acqua che va a gonfiare gli adipociti, le cellule che immagazzinano i grassi: le proteine che ristagnano si depositano nella parete degli adipociti creando la “buccia d’arancia”. La bromelina facilita la rimozione delle proteine e drena. [Read more…]

Foglie di alloro, pianta sacra per benessere e salute

alloro-foglie

Le foglie di alloro, sono utilizzate da secoli nella medicina alternativa. Considerata una pianta sacra dagli antichi Greci e Romani, simbolo di onore e gloria sul capo dei vincitori alle Olimpiadi.
Molte persone in tutto il mondo, utilizzano ogni giorno le foglie d’alloro come spezia da aggiungere ai loro piatti preferiti.

Questi aspetti evidenziano quanto l’alloro sia stato importante in passato, ci deve dunque essere una buona ragione per tutto ciò. Le proprietà curative dell’alloro e delle sue bacche, sono ben note da molto tempo.
I composti attivi più importanti dell’alloro sono il pinene ed il cineolo. L’alloro contiene anche oli essenziali che hanno un effetto calmante.
Gli effetti sorprendenti sono descritti in molti miti e leggende come quello sull’Oracolo di Delfi, dove si masticavano foglie d’alloro per prevedere il futuro.
Se volete ottenere un effetto calmante sul vostro corpo e sulla vostra mente, non dovete fare altro che bruciare delle foglie d’alloro secche. Per ridurre lo stress e l’ansia, basta bruciare una singola foglia d’alloro secca in un posacenere per 10 minuti.
La stanza si riempirà di profumi che agiranno rilassandovi. Le foglie di alloro hanno proprietà anti-reumatiche, antisettiche, diuretiche, antiossidanti, sedative.

Come preparare un decotto di alloro:

Questo rimedio naturale si avvale delle proprietà dell’alloro, che sono antisettiche e calmanti, soprattutto per quanto riguarda il mal di stomaco.

Si tratta di un decotto molto semplice da preparare, ma sempre tenendo conto che il decotto è altro rispetto alla tisana per esempio, non solo per una questione di metodo, ma soprattutto in termini di effetti, che sono maggiormente efficaci per il primo.

L’ideale sarebbe prepararselo ogni sera, dopo cena, per ovviare all’insorgere del problema di digestione successivo.
Tutto sta nel fatto di trovare il gusto del decotto di alloro piacevole o meno.

Ingredienti

10 foglie di alloro;
acqua q.b.;
Preparazione

Mettere l’acqua in un pentolino sul fornello acceso;
Cuocere il tutto per cinque minuti dopo che l’acqua avrà iniziato a bollire;
Se si preferisce, aggiungere anche della buccia di arancia, mandarino o limone per aggiustarne il sapore, e continuare a cuocere per qualche altro minuto;
Il decotto può essere zuccherato, anche se forse è preferibile non farlo. Dipende dal senso di gradevolezza che viene attribuita individualmente dal diretto interessato;

Estratto da www.ilmondoit.info

La plastica Tritan di Estraggo Pro

Gli amici della Siqur Salute ogni tanto mi mandano qualche informazione di approfondimento tecnico sugli Estrattori . Oggi ne pubblico uno su un altro aspetto della componentistica dell’ Estraggo Pro …..le plastiche Tritan !

I DETTAGLI CHE FANNO LA DIFFERENZA:  Le plastiche speciali  

La plastica Tritan è quella che comunemente viene utilizzata per le componenti degli

estrattori, specialmente per quanto riguarda l’imbuto di introduzione e la vaschetta

raccoglisucco.

La scelta di questo materiale è dettata soprattutto da due motivi:

– minor costo della materia prima

– maggiore facilità nello stampaggio

cestello e imbuto Estraggo

Questo tipo di materiale è resistente, ma non abbastanza per non rompersi sotto gli sforzi

di trazione che si creano con l’introduzione di frutta/verdura intera, per cui la macchina è

concepita, specialmente carote, rape, sedano rapa ecc.. o anche nell’elaborazione di latti

vegetali da riso integrale, avena, canapa, o da germogli come l’erba di grano.

A differenza di tutti gli altri estrattori, EstraggoPRO utilizza un Policarbonato speciale

rinforzato, che, rispetto al Tritan, è molto più resistente e flessibile. Una qualità che non si

vede ma che è molto importante. [Read more…]

Non solo frutta,acqua e sole …l’importanza dell’ARIA

 

ARIA : Non solo la frutta, l’acqua e il sole.
Ma bisogna conoscere il funzionamento fisiologico della respirazione ed “assumerla”, l’aria, nel modo giusto.
Sembrerà una teoria stravagante, ma coloro che respirano “poco” sono meglio ossigenati e non rischiano gli attacchi d’asma, prerogativa di quelli che a bocca sempre aperta introiettano enormi volumi di aria.
Al contrario di quanto sempre, comunemente ed erroneamente insegnato, non importa quanto ossigeno (O2) venga incamerato nei polmoni, ma bensì quanto ossigeno riesca a passare dal sangue alle cellule dei tessuti di tutto il resto dell’organismo;  i polmoni strapieni di ossigeno non sono garanzia di trasferimento alle cellule che, a loro volta se carenti, continueranno a mandare segnali di necessità di aria, “fregandosene bellamente” del fatto che i polmoni ne siano pieni.
Entra a questo punto in gioco il ruolo dell’ anidride carbonica (CO2), che non solo è il risultato finale della combustione energetica all’interno della cellula, ma è anche la moneta di scambio per il riapprovvigionamento dell’ ossigeno : la cellula potrà ricevere dal sangue una quantità di ossigeno proporzionale alla quantità di CO2 cedibile,  senza CO2, l’ossiemoglobina passa davanti alla cellula, non cede nulla e continua il suo viaggio.
E’ evidente a questo punto quanto sia importante “non disperdere” il nostro carico prezioso di CO2, che appunto anche se indirettamente, è fondamentale per l’ossigenazione dei nostri tessuti. Quindi, ripetendo, non dobbiamo preoccuparci di riempire i polmoni, ma bensì di fare arrivare l’O2 ai tessuti.
Il principio, seppur ampiamente snobbato nella cultura quotidiana,  risulta perfettamente relazionato nei testi della medicina convenzionale con gli studi degli scienziati Verigo e Bohr e poi sviluppati da Buteyko.
Come si disperde la CO2 : essendo questa trattenuta nel nostro organismo ad una pressione molto maggiore rispetto a quella contenuta nell’aria, basta spalancare i canali respiratori più del normale  o accelerarne la frequenza che si realizza questo perverso meccanismo.
A cosa serva una buona ossigenazione di tutte le cellule dei tessuti del nostro organismo è banalità dirlo : con nullo o scarso rifornimento il tessuto o l’organo interessato sarà malato o comunque deficitario.
Non esiste una sintomatologia diretta della carenza di ossigenazione, ma gli effetti negativi della iperventilazione (respiro rapido, superficiale e con la bocca) con la conseguente ipocapnia (ridotta concentrazione di CO2) si accertano per contrasto quando con la correzione della respirazione arrivano “inequivocabilmente” i  benefici tangibili, interessando gli apparati respiratorio, circolatorio, muscolare, immunitario e neurologico.

Il naso è l’unico organo deputato alla ventilazione, la bocca la può fare ma solamente in alcune precise situazioni; passando per il naso, a differenza della bocca,  l’aria viene odorata (segnali di piacere,  ma anche di allarme), filtrata, umidificata e riscaldata;  inoltre si evita la xerostomia, e si mantiene l’equilibrio delle cavità ossee frontali.
Per la qualità dell’aria, è inutile ripetere i banali concetti sull’inquinamento moderno  che tutti ben conoscono, ma a prescindere da ciò, è utile sapere che  in montagna l’aria è migliore non perché probabilmente  meno inquinata, ma sicuramente perché avente ossigeno più rarefatto e quindi più consona alla nostra “fisiologia respiratoria”.
Chi volesse approfondire l’argomento può consultare i chiarissimi testi in italiano delle Dott.sse Rosa Maria Chicco e Fiamma Ferraro.
In conclusione, senza  entrare in superflui  tecnicismi e per rimanere coerenti con lo spirito di questa rubrica che vuole suggerire semplici pratiche quotidiane per il raggiungimento del benessere, si possono elencare i seguenti:

 


Respirare solo col naso e mai con la bocca, salvo problemi fisici del naso stesso; nel caso di “fiatone” per una corsa o una salita di scale o simili, per quanto possibile,cercare di trattenere le labbra chiuse e fare fluire l’aria più lentamente, più lungamente e più profondamente (abbassando il diaframma e …..facendo entrare l’aria nella cavità della pancia); riuscendo in questo auto-controllo ci si accorgerà presto di come quel fiatone si “recuperi” molto prima che col vecchio metodo della “bocca spalancata.
-Imparare a mangiare, bere e parlare senza “contemporaneamente tirare dentro aria”, facendone quindi movimenti distinti, cosa che con un poco di allenamento diventa semplice per chiunque.
Quando si ha freddo, un ottimo sistema per riscaldarsi è diminuire il flusso respiratorio (si potrebbe a titolo di esperimento tappare una narice e resistendo alla tentazione di aprire la bocca, una volta raggiunto il giusto ritmo, ci si accorgerà di avere le mani o piedi meno freddi; da provare)
Nell’ emergenza di attacchi di panico, di caduta della pressione, o di semplice cefalea può risultare utile la respirazione dentro un sacchetto di carta per diversi minuti (aumentando la concentrazione di CO2 nell’aria ri-respirata, che conserva ancora una gran quantità di O2, questi disturbi potrebbero “magicamente diminuire”; provare per credere)
Eseguire regolare e quotidiana attività fisica perché, almeno per l’argomento specifico in oggetto, genera la preziosa CO2 che, abbiamo ormai imparato essere l’indispensabile moneta di scambio dell’ O2 per le cellule.
Esistono degli esercizi semplici, specifici e collaudati per migliorare la respirazione e quindi di conseguenza la salute, dei quali si trova il dettaglio nei testi consigliati, ma ritengo che con questi piccoli accorgimenti il cittadino comune possa trovare già  giovamenti notevoli, lasciando a chi voglia affrontare con maggior decisione i propri problemi di salute l’iniziativa di sperimentare per intero i protocolli definiti dal Dott. Buteyko

Cit : “E adesso so cosa devo fare: devo continuare a respirare perché domani il sole sorgerà e chissà la marea cosa potrà portarmi.”

 

Estratto da Ehretismo.com/2012/01/non solo frutta, acqua e sole